Sonetti dei destini 5

di Antonio Devicienti

ad Anna Bergna, con amicizia e gratitudine

Alla luce marina si screziano Muse come velate. Dolcissime ed appena profumate di gelsomino (o è la mente che ne percepisce vaghissimo sentore?): per Ophélia Queiroz.

Eravate Lisbona nel barlume

         della sua luce ed il vento aranciato

        dos Jerónimos, dolcissimo agrume;

        eravate quell’amore aspettato.

Nell’incavo dei polsi ma levissimo

        s’intuiva il gelsomino palpitare

       (non osava egli) sentore tenuissimo

       (non osava pensarli da sfiorare).

Maresia s’esaltava al Miradouro

        de Santa Luzia: più bella Lisbona

       dell’eternità, lettera e corona.

Marezzato il Vostro sguardo dal Tejo,

        nei suoi eteronimi (gabbiana, luce,

       respiro) la città qui lo conduce.

silva-ville

Maria Helena Vieira da Silva: Ville au bord de l’eau