Sonetti dei destini 6

di Antonio Devicienti

 

 

gravitacion chillida

Eduardo Chillida: Gravitación

Una Castiglia d’affocàti sensi e di mente intesa a scarnificare il reale, a sorpassarne le apparenze: per Juan de la Cruz, per Eduardo Chillida.

               Silenzioso ora il corpo (ma non tace

               nel battito cardiaco) si dispone

             il pensiero ad accogliere l’erranza

             del mondo, ascolta e attende, qui si giace.

Le scalze armonie dei muri, la casa,

generoso deserto, la cisterna

quando impara la sete dal fuoco,

il fuoco quando la neve lo sposa.

             Febbricitanti mani appoggiaste alla

             scabra parete del canto notturno

             le Vostre digiunanti dita falla

esse apersero dentro il varco diurno

a altre mani di faber, apprestanti

inchiostro spago e carta, gravitanti.