poetica

di Antonio Devicienti

Ancora Reiner Kunze; durante il mio più recente viaggio in Germania ho acquistato il volumetto edito dalla straordinaria e storica Casa editrice Fischer rilegato in tela azzurrina che raccoglie le poesie edite fino al 2001 e non so più staccarmene (l’ho trovato, tra l’altro, in un bianco e luminoso atelier con le finestre affacciate sul porto di Tönning sul Mare del Nord dove ho visto incisioni e stampe opere di un’artista con la quale ho a lungo parlato proprio di Kunze e di poesia); anche stavolta la lirica è dedicata ad un poeta polacco, a sua volta studioso e traduttore di poeti tedeschi: ancora un ponte tra le lingue e tra le culture. Ho tradotto gedicht con poema pensando al poème nel senso di Char, dunque anche breve testo in versi, ma vasto e denso come un poema epico.

 

Reiner_Kunze,_Gedichte_2001

 

 

POETIK

Für Jakub Ekier

So viele antworten gibt’s,
doch wir wissen nicht zu fragen
 
Das gedicht
ist der blindenstock des dichters
 
Mit ihm berührt er die dinge,
um sie zu erkennen

           (da ein tag auf dieser erde)

 

fischerverlag

Il logo del Fischer Verlag: pescare con intatta passione dal gran mare della letteratura.

 

 

POETICA
Per Jakub Ekier
 

Così tante risposte ci sono,
ma non sappiamo domandare
 
Il poema
è il bastone da cieco del poeta
 
Con il quale egli sfiora le cose
per riconoscerle