Bach, il consiglio municipale di Lipsia e dio

di Antonio Devicienti

Ricorrente nella poesia di Reiner Kunze è il Leitmotiv della musica che, da un lato, è direttamente riferibile alla passione del poeta tedesco per quest’arte, dall’altro vale anche come metafora della poesia e del comporre poesia. Propongo due testi, seguiti dal mio tentativo di traduzione, tratti dalla medesima raccolta intitolata auf eigene hoffnung  pubblicata nel 1981, ma il primo testo è del 1973, quando Kunze vive nella DDR ed è poeta sospetto al regime e posto da quest’ultimo sotto stretta sorveglianza, mentre il secondo è del 1978 e Kunze è giunto appena l’anno precedente nella Repubblica federale: molto significativamente Incoraggiamento dopo 200 anni appartiene alla sezione des fahnenhissens bin ich müde, freund (sono stanco dell’alzabandiera, amico mio) che raccoglie poesie che focalizzano in maniera critica la situazione politica e delle libertà civili nella Repubblica democratica tedesca, mentre Lawrence Foster dirige è raccolta nella sezione auch dies ist mein land (anche questo è il mio paese) il cui tema conduttore è l’arrivo del poeta in Occidente e le sue esperienze (non sempre tuttavia positive) nella Germania occidentale. Da notare che Reiner Kunze non scrive i sostantivi con l’iniziale maiuscola (come pretendono le regole ortografiche del tedesco), ma che nella prima lirica da me proposta Bach ha l’iniziale maiuscola, mentre Gott (Dio) no, gioco ortografico che ho mantenuto nella mia traduzione.

 

ERMUTIGUNG NACH 200 JAHREN

Auf dem heimweg von einem orgelkonzert

Zu füßen gottes, wenn

gott füße hat,

 

zu füßen gottes sitzt

Bach,

nicht

der magistrat von Leipzig

 

 

INCORAGGIAMENTO DOPO 200 ANNI

Tornando a casa dopo un concerto d’organo

Ai piedi di dio, se

dio ha piedi,

 

ai piedi di dio sta assiso

Bach,

non

il consiglio municipale di Lipsia

 

klaus_kinski fitzcarraldo

Un fotogramma da “Fitzcarraldo” di Werner Herzog

 

 

LAWRENCE FOSTER DIRIGIERT

London, Royal Festival Hall

Mit daumen und zeigefinger der linken

zeigt er das öhr, durch das

der ton hindurch muß

 

Stich für stich

näht er mit dem taktstock

Schostakowitschs erste sinfonie – das presto des finales

ein nadelblitzen

 

 

DIRIGE LAWRENCE FOSTER

Londra, Royal Festival Hall

Con pollice ed indice della sinistra

mostra la cruna traverso cui

dovrà passare la nota

 

Punto dopo punto

cuce con la bacchetta

la Prima sinfonia di Šostakovič – il presto del finale

un lampeggiare d’ago