Appello per “La Dimora del Tempo sospeso”

di Antonio Devicienti

 

 

 radio

 

 

Ancora una volta le pubblicazioni sulla Dimora del tempo sospeso sembrano dover subire una battuta d’arresto.
Da questo marginalissimo angolo del web ch’è Via Lepsius faccio appello a tutti coloro che hanno a cuore le sorti della Dimora affinché sostengano la creatura di Francesco Marotta; non so bene perché la Dimora trovi, da un po’ di tempo a questa parte, difficoltà a continuare le proprie pubblicazioni, ma, per quanto mi riguarda, non ho remore ad affermare che proprio la Dimora del Tempo sospeso è, per me, lo spazio più libero, più propositivo, più stimolante del web a livello non solo nazionale, ma sovranazionale; Francesco Marotta ha saputo (e voluto, praticando in tal modo una generosità e una gratuità senza pari) mettere a nostra disposizione testi, interventi critici, documenti d’inarrivabile valore sia culturale che politico, sia estetico che umano – e questo tesoro è ancora a nostra disposizione, in qualsiasi momento, senza condizioni di sorta.
La Dimora è una presenza d’indiscutibile valore in un mondo asfittico, egoista e narcisista qual è quello della cultura italiana – il mio appello è che s’intervenga, anche soltanto con dei commenti sulla Dimora (purché sinceri e motivati), per esprimere a Francesco Marotta la nostra gratitudine e la nostra ammirazione nei suoi confronti in quanto persona, poeta e intellettuale. Mi permetto infatti di ricordare che tutto quello che Marotta ha fatto in questi anni tramite la Dimora egli l’ha fatto a titolo puramente gratuito, per passione e con empito propositivo, per rompere il fronte del solito piagnisteo e della solita, immorale, “cultura” buona soltanto a contemplare il proprio puzzolente ombelico.
Sono angosciato e triste all’idea che la Dimora del Tempo sospeso possa sospendere le proprie pubblicazioni; sentirei la mia mente come amputata di uno spazio a venire sempre stimolante e arricchente – e dove sono i soloni della nostra cultura nazionale? Non hanno niente da dire neanche stavolta?