Via Lepsius

concatenazioni, connessioni, attraversamenti

Mese: novembre, 2016

Lisbona è esilio e ritorno

 

 

rui-palha

Una fotografia di Rui Palha.

 

Non avrò in quest’imbroglio
degli occhi (ma gradito
imbroglio) desiderio
d’un’altra vita se
dovrò inseguire ogni
finestra, ogni sprezzatura di luce,
ogni ombreggiatura delle facciate.

E vivere soltanto
nella scrittura è morte.

Marezzati nei vetri
come specchianti pagine
il dentro e il fuori danno
barbagli da memoria, sguardi, suoni.

 

 

Leggende (3)

 

oria

 

(Messaggio per Yves Bergeret, il quale sa bene che la scrittura fa volare)

 

Di Rabbi Yehuda inventore
degl’inchiostri che fanno volare:
distesi sul terrazzo della casa
i fogli di pergamena,
li cucì l’uno di séguito all’altro;

inginocchiato per terra scrisse
nella ferocia dell’ore canicolari
con gl’inchiostri magici
la storia del viaggio della Regina di Saba
verso Gerusalemme.

Nudo come Adamo nell’Origine
vergò il racconto.

Il suo corpo s’ebbe
il colore delle muraglie
di miele. S’avvolse infine
nella lunga fascia vergata.
Si lanciò giù dal vertice della casa.

Volò.

 

 

Niccolò Castiglioni

 

castiglioni_niccolo

 

Un’idea di modernità come questa:
che appartati e laboriosi
si debba costruire nei giorni
opera vigilante e sobria.

Chi guardi la fotografia ne ricava impressione
d’impiegato o professore (dignità del lavoro
silenzioso nei giorni);

chi ne ascolta la musica
discende negli spasmi della mente –
del mondo.

 

1-niccolo-castiglioni-foto-di-roberto-masotti

 

Ringrazio di tutto cuore Antonio Pibiri che mi ha fatto conoscere la figura e l’opera di Niccolò Castiglioni.

 

09 . 11

 

 

kubin_die-andere-seite

Una delle illustrazioni per il romanzo di Alfred Kubin (e di mano dello stesso scrittore) “die andere Seite” (l’altra parte), pubblicato nel 1909.

 

 

Da gran tempo erano bui i giorni, colmi d’odio, deprivati di libri. Lo sapevamo.

Tardi, troppo tardi accorgersene ora. Saluto qui le anime belle, gl’ingenui (più o meno veri, più o meno falsi), i discesi dalla luna.

A un mondo estremamente complesso si risponde semplificando, banalizzando, sceverando manicheisticamente il bene dal male, innalzando muri, espellendo ciò che appare differente.

Da sempre il potere è sanguinario, da sempre domina senza la luce del dialogo – agita i propri feroci simboli fallici.

 

Visioni 3: Ragnar Axelsson

 

ragnar_axelsson

Ragnar Axelsson: dalla serie “Volti del Nord” del 2004.

 

Volti del bianco

Il Nord possiede ruvidezza
di spazi e tenerezza
di creature che vivono
sulle soglie taglienti del bianco

ad amarlo il vento spasmodico
tra mare bianco e scogliera
si  prende i polmoni e dentro di loro
le lande scoscese
della testardaggine d’un vivere
asimmetrico tra

mente e bianco.

 

 

La foto proviene dal sito di Ragnar Axelsson ed è di proprietà dell’autore.