Per Ignazio Buttitta

di Antonio Devicienti

 

 

PE  ‘GNAZIU BUTTITTA:

……………………………………moi
ca te nde si sciùtu, Pueta
e Ccumpagnu, moi ca ddinthr’a chiazza
se nde scinnìu oblìo e bbrunàme
e ca puru lu ggiudice Falcone
la dinamite lu ccitìu
na viscilia te ‘Stàte,
e ppoi lu ggiudice Borsellino,
moi e sempre, Cumpagnu Pueta,
ccunsulazione e ccuraggiu
cuànnu leggiu ‘a vuce tua
nthra lla pethra scarrufata

“Ancilu era e nun avia ali
nun era santu e miraculi facìa”

 

Conversando con Yves Bergeret e ritrovandoci d’accordo sulla nostra comune avversione per una poesia estetizzante e solipsistica, riflettendo sulla situazione siciliana e meridionale più in generale, citavo, tra gli altri, Ignazio Buttitta, esempio sommo di poeta che, continuando la tradizione antichissima dell’oralità e del canto quale elemento di lotta politica, sapeva parlare a chiunque fosse disponibile ad andarlo a sentire nelle varie piazze in cui egli diceva le proprie poesie. Mi sono allora ricordato che, anni fa, avevo scritto qualche verso in dialetto salentino in memoria di Ignazio Buttitta, concludendo il mio modesto componimento con i versi iniziali del suo Lamentu pi la morti di Turiddu Carnivali.

………………………………………ora
che te ne sei andato, Poeta
e Compagno, adesso che nella piazza
è disceso l’oblio e l’ombra del fascismo
e che anche il giudice Falcone
è stato ucciso dalla dinamite
alla vigilia dell’Estate,
e poi il giudice Borsellino,
ora e sempre, Compagno Poeta,
(sento) consolazione e coraggio
quando leggo la tua voce
scavata nella pietra

“Angelo era e non aveva ali
non era santo e faceva miracoli”