Mark Rothko e il mendicante

di Antonio Devicienti

 

 

 

(…)
E noi si era scaltri a respirare
il più dolente dei vespri come fosse
nelle mani di Angelico di Rothko,
e non fiero abbandono d’ombre
alla rugiada, consacrazione al sonno
che non lasciò dormire i nostri affanni,
sfiorando invece udirli nel grido.

Nanni Cagnone, da The Book of giving back

 

Non so di una figura
senza ingiuria.
Molto più lontano,
l’insperato astratto cenno
esordio di luce, l’intero
sollevante cenno
che tutti trascurano –
ostinato non-vedere
dei morenti, che
percuote ancora
Rothko
nel suo studio.

Nanni Cagnone, da Doveri dell’esilio

 

 

(157 E 69th Street, New York)

Gli si materializza come inventato dalla tromba delle scale
nel tardo pomeriggio –
o è il pomeriggio tardo mentre sfuma
nella sera
a profilarsi dietro la porta dello studio
con gesto che ha assenza di suono.
Nulla e nessuno riesce ormai a
penetrare la solitudine:
ma il mendicante, chiuso
nel suo cappotto, gli sembra
lo stesso blu fondo e abissale
che aveva steso sulla tela al mattino.
Ortodosso forse osservante
non gli negherà l’elemosina
ma le poche monete che trova
e che ora stringe nel palmo della mano
scottano di pietà.
Pietà del mendicante per quell’uomo
solo che non sa farsi l’elemosina
di dimenticare l’abisso e
la distanza.
Il rosso amaranto tracima
dal bicchiere sul tavolo
decide che la sera si spanda
terra di Siena e verde muschio
mescolati sulla campitura del febbraio.