(…)

di Antonio Devicienti

 

 

 

Un’accogliente solitudine, una distanza radicale dai rumori, dalle ciarle, dalle oscene sceneggiate.