Rondini e poeti

 

 

La gentilezza e la delicatezza della poesia di Alessandro Quattrone tornano a visitare Via Lepsius un paio di anni dopo La gentilezza dell’acero: è La rondine presente (Passigli Editori, Bagno a Ripoli 2020) a profilarsi con i modi cordiali e meditativi che già conosciamo:

Ma davvero da qualche parte c’è
chi aspetta le nostre parole
come un giardino aspetta api e farfalle,
anzi come un filo d’erba aspetta
senza sapere nemmeno che cosa? (p. 84)

La gente entra ed esce, va e viene,
discute, scherza, ride, si accapiglia
puntigliosa, fa programmi
e prende nuovi appuntamenti
dentro il bar dove a un tavolo appartato
qualcuno cerca la coincidenza
fra l’evento e la parola. (p. 86) Leggi il seguito di questo post »