Jamil Hilal, Maria Nadotti, la Palestina

di Antonio Devicienti

Distinguo accuratamente tra Popolo ebraico e Stato d’Israele, tra antisemitismo e critica serrata al fascismo e al razzismo che sembrano imporsi negli ultimi anni in Israele, credo nel diritto degli Ebrei e dei Palestinesi a uno Stato indipendente e libero, credo nel diritto dei Palestinesi all’autodeterminazione, mi oppongo alle complicità e ai silenzi di gran parte degli Stati e di moltissimi intellettuali; leggo su Doppiozero quest’intervista e dal mio minuscolo spazio di Via Lepsius mi provo a darle eco: Che cosa sta succedendo in Palestina? 

Ricordo, tra l’altro, che Maria Nadotti è la traduttrice italiana di John Berger, del quale è stata amica, che Berger conosceva molto bene la situazione palestinese cui ha dedicato diversi suoi libri e articoli, così come Maria Nadotti stessa che ha trascorso ripetuti e prolungati soggiorni in Palestina.