Via Lepsius

concatenazioni, connessioni, attraversamenti, visioni

Tag: John Keats

Traducendo John Keats

Keats_House

 

Francesco Dalessandro pubblica presso le Edizioni dell’Associazione Culturale Contatti di Genova Fammi lezione, Musa.

Come talvolta accade quando la traduzione è non solo efficace, ma anche condotta con sapiente acribia linguistica e filologica, con partecipazione emotiva, con il totale dominio dei mezzi espressivi, difficilmente si potrebbe negare che, leggendo i Sonetti, la ballata La belle dame sans merci e Tre poesie per Fanny di John Keats, non si stia leggendo anche la poesia “in proprio” di Francesco Dalessandro. Certo, il poeta si è messo letteralmente al servizio della poesia di Keats, Dalessandro offre, insieme con le traduzioni, dei lucidi e partecipati commenti alla Ballata, alle poesie per Fanny e una nota del traduttore in chiusura del volume, ma la bellezza dei testi italiani (preferisco definirli così, non “in” italiano) pretende che si guardi alla traduzione come una delle due (necessarie) rive di chariana memoria (l’una per l’andata, l’altra per il ritorno) tra le quali scorre l’unico fiume della poesia.

Leggi il seguito di questo post »

(Segnalibri) Flavio Ferraro sulle “Odi” di John Keats

 

 

Segnalo questo bell’articolo di Flavio Ferraro (la traduzione dei versi di Keats citati è di Flavio stesso e l’edizione consultata è quella Mondadori):

la luce dell’oscurità – le Odi di John Keats

 

 

 

Sonetti dei destini 7

 

Roma, stratificata città, spasmi di vita, spasmi di sole: per John Keats.

 

ml_vitra_04_Louis_Kahn_View_of_St._Peters__Rome__Italy__Lou_04_1024

Louis Kahn: veduta di San Pietro (1928-’29), acquerello.

 

 

Questo tramonto senza fine forse
e trasvoli lunghissimi di rosso
se morire è succedersi di corse
disperanti fino alla poesia-osso.

Acqua, acqua alla fronte febbricitante
caro amico e finestra spalancata
sopra i suoni di Roma musicante
città per guarigione sospirata.

Ma vortica la luce per chi muore
senza poter sentire più l’odore
di salvia che lungo la scalinata

verso l’alto s’inabissa svelata
vertigine inzuppata nel sudore
scrittura, melanconico tremore.