Via Lepsius

concatenazioni, connessioni, attraversamenti, visioni

Tag: pittura

Il pensiero. Nel bianco.

 

ghirri_morandi

 

 

La camera da letto di Giorgio Morandi a Grizzana (da una foto di Luigi Ghirri)

Come il monaco quando rinuncia a sé:
si fa carico del mondo
(vi si sottrae all’apparenza
ma soltanto per esservi inchiavardato
con nascosta forza tenacissima
di radice)
e la cella bianca di calce, il letto,
la pazienza e l’attesa,
un pane nel piccolo armadio quasi
vuoto –
come il bicchiere d’acqua sul piano
di legno mentre aspetta l’accostarsi
della bocca
e il rubinetto gocciante annodato
a fiumi lontani, acque di nivale
pazienza a levigare i sassi vitrei,
lo spazio e la storia,
una bottiglia di vetro che quieta
attende –
come il libro annotato a matita
segno su bianco, bianco nel silenzio,
reductio ad minimum, forse l’aroma
del caffè sospeso nel bricco vuoto:
stare come il guanciale sottovoce,
come nella ciotola l’elemosina,
come gli occhiali vicino alla radio
e lo specchio per radersi, il sapone,
la pazienza e l’attesa,
due sandali di cuoio sotto il letto,
invisibili

e l’intonaco morbido, solare
d’un edificio emiliano tramato
d’onestà, di serietà.

 

ghirri_atelier morandi

 

 

Compiuti destini 1

 

stradina_di_delft_vermeer

 

Baruch Spinoza

Levigare lenti mentre le chiatte si spostano
nei canali.
Agli attracchi caricano o scaricano
le merci.
Misurare il giusto spessore
per il miope
l’esatta curvatura
per sguardi golosi di mondo.
Nel vicolo di fronte una domestica
lava le mattonelle nell’andito.
Cantano sommesse le sarte
al piano di sopra.

Queste che leviga sono per il pittore
che, dicono, scorge Dio in ogni
particola di luce.
Un bambino fa ruotare la trottola
sull’assito.
La frizione del perno sul legno
è eco dei moti planetari.
Levigare lenti mentre la pentola sobbolle
nel cucinotto
la servetta sogna un amore
e le chiatte si spostano
nei canali.